Notizie

CdS, Genoa-Napoli, l’ombra del virus

Fotoweb- In casa azzurra nuovo giro di tamponi. E oltre ai casi di Covid Gattuso deve fare i conti anche con il logorio di Insigne

K2 crolla sulla testa di Gattuso. Che il Napolinon entusiasmi è palese, per carità, ma lo è altrettanto che da troppo tempo ormai Rino è  costretto ad affrontare un problema dietro l’altro. Gli ultimi ieri, nell’ordine: di buon mattino il club annuncia la positività al Coviddi Ghoulam; poche ore dopo, in occasione della rifinitura, diventa ufficiale l’esclusione dalla formazione titolare di Insigne, non al meglio e soprattutto molto stanco; e poi, all’ora del tè, la società comunica anche la positività di Koulibaly.

Una sequenza micidiale di colpi: jab, gancio e montante da ko. Il giro del mondo della iella in 84 giorni: dall’infortunio di Osimhen del 13 novembre a ieri. Più o meno tre mesi in cui Gattuso – e dunque la squadra – ha perso: Victor, tra l’altro contagiato in Nigeria nel corso delle vacanze di Natale (con tanto di festa-assembramento di complenno senza mascherine); Mertens, atteso mercoledì dopo un ciclo di terapie in Belgio; Koulibalyuna prima volta; Fabian per il virus; e ora anche Ghoulam e Kalidou per il Covid, entrambi asintomatici. La maledizionenapoletano-genoana, verrebbe da dire, considerando che i primi contagi azzurri risalgono proprio all’incrocio con l’inconsapevole cluster del Genoa della partita d’andata (Elmas e Zielinski). Non è vero ma ci credo, avrebbe detto Eduardo. In questo caso la cosa più calzante sembra un grande in bocca al lupo a tutti: ieri sera a Genova, anzi poco dopo la mezzanotte, i giocatori sono stati sottoposti a un altro giro di tamponicome da protocollo.

Condividi
Secured By miniOrange