Notizie

Plusvalenze, il Tribunale della Figc proscioglie tutti

Tutti prosciolti i dirigenti e i club che erano finiti a giudizio per il caso delle presunte plusvalenze fittizie

ROMA – Tutti prosciolti i dirigenti e le società finite a giudizio al Tribunale nazionale federale per il caso delle presunte plusvalenze fittizie, che vedeva coinvolti 11 club italiani e 61 dirigenti, accusati a vario titolo di illeciti amministrativi (per aver contabilizzato nelle relazioni finanziarie plusvalenze e diritti alle prestazioni dei calciatori per valori eccedenti a quelli consentiti dai principi contabili, secondo la tesi della procura federale non accolta dal Tfn). È questo l’epilogo del processo sportivo di primo grado: nel dispositivonotificato dall’organo presieduto da Carlo Sica a club e dirigenti coinvolti è presente solo il proscioglimento da tutte le accuse. Per le motivazioni bisognerà attendere perché saranno pubblicate e rese note più avanti.

I dirigenti e i club coinvolti

Lo scorso primo aprile erano stati deferiti 11 club (Juventus, Sampdoria, Napoli, Pro Vercelli, Genoa, Parma, Pisa, Empoli, Chievo, Novara e Pescara) e 61 persone tra dirigenti e amministratori. Il processo è scattato martedì e la procura della Figc aveva chiesto nella requisitoria un totale di 458 mesi di inibizione per 59 imputati, tra cui Andrea Agnelli (1 anno), Aurelio De Laurentiis (11 mesi e 5 giorni), Massimo Ferrero (un anno) ed Enrico Preziosi (sei mesi e 10 giorni). La richiesta più pesante era stava avanzata verso l’ex dirigente della Juventus, Fabio Paratici: 16 mesi e 10 giorni.

Le richieste della procura federale

Fabio Paratici: 16 mesi e 10 giorni
Federico Cherubini: 6 mesi e 20 giorni
Andrea Agnelli: 12 mesi
Pavel Nedved, Enrico Vellano, Paolo Garimberti, Assia Grazioli Venier, Maurizio Arrivabene, Caitlin Mary Hughes, Daniela Marilungo, Francesco Roncaglio: 8 mesi
Juventus: 800.000 euro ammenda

Aurelio De Laurentiis: 11 mesi e 5 giorni
Jacqueline Marie Baudit, Edoardo De Laurentiis, Valentina De Laurentiis: 6 mesi e 10 giorni
Andrea Chiavelli: 9 mesi e 15 giorni
Napoli: 392.000 euro ammenda

Enrico Preziosi, Giovanni Blondet: 6 mesi e 10 giorni
Alessandro Zarbano; 10 mesi e 15 giorni
Diodato Abagnara; 6 mesi e 10 giorni
Genoa; 320.000 euro ammenda

Giovanni Corrado: 7 mesi e 10 giorni
Giuseppe Corrado: 10 mesi
Raffaella Viscardi: 6 mesi e 20 giorni
Julie Michelle Harper, Alexander Knaster, Marco Lippi; 6 mesi e 10 giorni
Mirco PAletti, Giovanni Polvani, Stuart Grant Thompson, Stephen Gaucci: 6 mesi
Pisa: 90.000 euro ammenda

Luca Carra: 14 mesi e 5 giorni
Marco Ferrari: 6 mesi e 20 giorni
Pietro Pizzarotti: 10 mesi e 15 giorni
Giacomo Malmesi; 7 mesi e 10 giorni
Paolo Piva: 6 mesi e 10 giorni
Marco Tarantino; 6 mesi e 20 giorni
Parma: 338.000 euro ammenda

Massimo Ienca: 8 mesi e 20 giorni
Massimo Ferrero: 12 mesi
Antonio Romei: 7 mesi
Paolo Repetto, Gianluca Tognozzi, Giovanni invernizzi, Paolo Fiorentino: 8 mesi
Giuseppe Profiti, Enrico Castanini, Gianluca Vidal, Adolfo Praga: 6 mesi e 20 giorni
Sampdoria; 195.000 euro ammenda

Pietro Zaccarii: 6 mesi e 10 giorni
Francesco Ghelfi: 11 mesi e 25 giorni
Fabrizio Corsi: 11 mesi e 15 giorni
Rebecca Corsi: 7 mesi e 20 giorni
Empoli: 42.000 euro

Giuseppe Campedelli: 10 mesi
Chievo Verona: 3000 euro ammenda
Luca Campedelli: 10 mesi e 5 giorni

Franco Smerieri: 9 mesi
Anita Angiolini: 9 mesi e 20 giorni
Paolo Pinciroli: 9 mesi
Pro Vercelli: 23.000 euro ammenda

Daniele Sebastiani: 12 mesi e 20 giorni
Gabriele Bankowki; 7 mesi e 20 giorni
Roberto Druda: 8 mesi
Pescara: 125.000 euro ammenda

Orlando Urbano: stralciato

Novara: ammenda 8000 euro

Maurizio Rullo: stralciato

Condividi
Secured By miniOrange