Notizie

CdS-Bologna-Napoli 0-2: Lozano rilancia Spalletti

Una doppietta del messicano regala la seconda vittoria consecutiva agli azzurri, ora a -4 dall’Inter e a -2 dal Milan. Ritorno in campo per Osimhen

di Pasquale Salvione

Lozano sbanca Bologna con una doppietta e regala al Napoli la seconda vittoria consecutiva. Spalletti approfitta del ko del Milan e del pareggio dell’Inter per recuperare punti d’oro in classifica: adesso Inzaghi è a +4 (con una partita in meno) e Pioli a +2. Ma dallo stadio Dall’Ara la comitiva azzurra torna con altre due buone notizie: non solo il rientro di Osimhen, in questo lunedì pomeriggio si sono rivisti segnali del Napoli di inizio stagione, quello che dominava contro tutti.

Lozano scatenato

La squadra di Spalletti è ancora rimaneggiata (mancano Koulibaly, Anguissa, Insigne, Ounas e Ospina) ma ha grande voglia di far sua la partita e si capisce dall’approccio alla partita. Determinata, concentrata, precisa: la qualità del palleggio a metà campo fra Fabian Ruiz, Lobotka e Zielinski consente a Spalletti di prendere saldamente in mano il controllo del gioco. Lozano è una spina nel fianco nella difesa del Bologna. Prima fallisce una grande occasione per sbloccare, poi firma il meritato vantaggio su un preciso assist di Elmas. Un gol che corona un netto dominio del Napoli con Mihajlovic che può solo assistere allo spettacolo: il Bologna, senza i tantissimi assenti, non può essere la squadra che ha raccolto tanti applausi in questa prima metà di stagione. Stavolta fa fatica a uscire e a costruire azioni pericolose. Solo un paio di lampi di Hickey e Arnautovic e un giallo per il nervoso Soumaoro (era diffidato e salterà il Verona venerdì). Solo il palo salva Skorupski nel finale di tempo su un ricamo di sinistro di Fabian Ruiz, con il Napoli che chiude con il 71,7% di possesso palla e con il rammarico di aver raccolto poco per quanto costruito.

Spalletti ritrova Osimhen

Per il raddoppio azzurro, però, è solo questione di tempo: la firma a inizio ripresa è ancora quella di Lozano, bravissimo a chiudere un contropiede azionato da Zielinski e rifinito da Fabian Ruiz. Una mazzata per il Bologna, che prova a riorganizzarsi con i cambi di Mihajlovic: prima Dominguez, Falcinelli e Skov Olsen; poi Vignato e il baby Pyyhtia. Il Napoli spreca ancora con Lozano, chiede un rigore per una trattenuta di Hickey su Fabian ed è costretto a un finale di sofferenza: gli azzurri accusano un po’ di fatica, il Bologna prende coraggio e spinge con grande orgoglio. Spalletti rilancia Osimhen e dà spazio anche a Politano, Ghoulam e Petagna, ma deve soffrire la pressione rossoblù fino all’ultimo secondo: clamoroso il palo di Svanberg su punizione in pieno recupero. Alla fine fa festa il Napoli, dopo tante difficoltà si vede la luce in fondo al tunnel.

Condividi
Secured By miniOrange