Ce AltroNotizie

Calcio, Olympique Marcianise conquista a Lignano Sabbiadoro il titolo di Campioni d’Italia

Foto internet. Da marcianise.info: Si conclude con la vittoria del titolo nazionale la tre giorni di sport a Lignano Sabbiadoro per l’Olympique Marcianise. Gli uomini di mister Francesco Delli Paoli hanno conquistato il titolo dopo un estenuante percorso fatto di partite ogni 4 ore sotto il sole cocente della riviera friulana. Tutto parte dalla vittoria del campionato provinciale di calcio amatoriale, organizzato da Angelo Laurenzaresponsabile provinciale del settore calcio per ASI (Associazioni Sportive Sociali Italiane), denominato Campania Felix, dove gli uomini di Delli Paoli hanno conquistato tutto quello che era possibile vincere nella manifestazione, Coppa Italia, Campionato e Champions League. Con questa consapevolezza si sono preparati alle fasi nazionali, alle quali avevano partecipato anche l’anno scorso uscendo in semifinale, sapendo che ogni partita è una finale e che non si deve concedere nulla all’avversario.

Il sorteggio di venerdì, a Lignano Sabbiadoro, per loro non è stato favorevole, la sfidante, in partite andata e ritorno, è il Non solo gomme di Ostia, che l’anno precedente li aveva sconfitti in semifinale aggiudicandosi poi il titolo nella finale contro la De Santis di Taranto. Squadra ostica, ben organizzata, vincitrice del campionato provinciale di Roma, con giocatori che fino a qualche stagione fa militavano in serie B, un avversario da non incontrare in una fase eliminatoria. Ma la sorte ha deciso così, sul volto di mister Delli Paoli all’atto del sorteggio si è letto un momento di scoramento, è durato pochi secondi, il tempo di riordinare le idee e di riprendere la consapevolezza della forza dei suoi uomini.

Si parte, la partita di andata, maschia e nervosa, vede i marcianisani imporsi per due a uno. Partita non facile, anzi, continui ribaltamenti di fronte, tanta qualità sul terreno di gioco, va prima in vantaggio l’Olympique con Marco Chiavarone, pareggio dei romani con una perla di Simone Mirante, ex del Crotone, a dieci minuti dalla fine un tiro a giro nell’angolo basso di Alessio Lunato consegna la prima vittoria ai ragazzi di Marcianse. Sabato mattina di nuovo in campo per la sfida di ritorno, caldo infernale, gli uomini di Delli Paoli iniziano un po’ sottotono, infatti passano in svantaggio su un calcio di rigore per fallo di mano in area, finisce il primo tempo, se la partita dovesse finire così si andrà ai rigori. Nel secondo tempo i marcianisani non riescono a trovare la quadra, mancano dieci minuto alla fine della partita, dalla panchina dei campani si alza Nicola Pontilo, con il numero 99, cambio. Pontillo entra subito in partita, mette in difficoltà in diverse occasioni la difesa avversaria, infatti in una delle sue incursioni in area di rigore viene atterrato, rigore. Al dischetto va Raffaele Eliseo, difensore centrale, glaciale, il portiere cerca di distrarlo, ma lui è concentrato, al fischio dell’arbitro batte e segna, uno ad uno, esultanza dei ragazzi del Presidente Ricciardi è quella di chi è consapevole di aver vinto, infatti finisce così, si va alla semifinale. Semifinale contro la compagine di Reggio Calabria, Olimpic Gebbione, si svolge nel pomeriggio di sabato, partita non troppo complicata per i campani che vincono a mani basse per quattro a uno, è finale. Si aspettano i risultati dalle altre sfide, c’è, a giocarsi l’altro posto in finale l’altra campana lo Sporting Marcianise e la lombarda Sequoie. Se lo Sporting dovesse vincere sarebbe derby, ma per i marcinisani le cose si mette subito male, dopo il primo quarto d’ora sono sotto due a zero con un uomo in meno. Inizia il secondo tempo e gli uomini di Pasquale Fusco iniziano a macinare gioco, ci credono, trascinati da un grande campione come Gaetano Poziello, che si carica la squadra sulle spalle e li porta in finale. Finale tutta campana, casertana, marcianisana, Olympique Marcianise contro Sporting Marcianise. È domenica mattina, le squadre hanno già disputato tre partite in ventiquattro ore, lo Sporting ha gli uomini contati, undici, tra infortuni e squalifiche, l’Olympique con organico più ampio. Si parte, sono le dieci e mezza, ci sono già 30°, un caldo che quasi non ti consente di respirare, gli uomini di Pasquale Fusco, costretto a mettere gli scarpini per l’assenza di uomini, nonostante tutto tengono bene il campo, si chiude il primo tempo con diverse occasioni da gol da entrambe le parti. Nella ripresa lo Sporting inizia a mollare la presa, nel primo tempo hanno raschiato le ultime energie dal fondo del barile, va in vantaggio l’Olympique con un autorete, gli uomini di Fusco non ne hanno più, senza cambi e con quella condizione climatica hanno fatto già un’impresa, arriva il raddoppio con il solito Pontillo che conclude una bellissima azione di gioco con il tap-in vincente, finisce così, due a zero per i marcinisani in maglia celeste. L’Olympique è campione nazionale ed è grande festa, momenti di commozione per il Presidente Ricciardi, che con tanto impegno e sacrificio ha portato questa squadra alla vittoria. “Una famiglia, questo gruppo è una famiglia, bei giocatori, sopra la media, dopo la delusione dello scorso anno a Manfredonia, usciti in semifinale, ci eravamo ripromessi di tornare a giocare le finali per vincerle, e fortunatamente quest’anno siamo riusciti a coronare il sogno.” le parole di Mister Delli Paoli a fine gara.

Tanta soddisfazione anche per il responsabile provinciale del settore calcio per la provincia di Caserta, Angelo Laurenza che ha commentato “un emozione indescrivibile, avere avuto una finale nazionale con due società di Caserta, due società di Marcianise, per me che sono marcianisano questa cosa mi inorgoglisce ancora di più, è la giusta ricompensa per un anno di lavoro e dedizione, sono molto soddisfatto anche perché Caserta ha portato quattro società alla manifestazione nazione due per le finali nazioni, una per la Coppa Italia Nazione di calcio a 11, la Gaetano Addio ASD, ed una per la finali di calcio a 7 l’Atletico Marcianise. Tanta soddisfazione anche per la presenza alla manifestazione di Giovanni Ciaramella, che per tutto l’anno ha collaborato per la buona riuscita del campionato provinciale, e che si è distinto anche nello staff dell’organizzazione nazionale. Insomma Caserta vince, non solo dal punto di vista calcistico ma anche organizzativo. Voglio ringraziare le società, che con enormi sforzo, hanno onorato l’impegno preso, Giuseppe Tartaglione dirigente dell’Atletico Marcianise, Pasquale Addio presidente della Gaetano Addio ASD, Pasquale Fusco presidente dello Sporting Marcianise, Angelo Ricciardi e Franco Delli Paoli dell’Olympique Marcianise, un ringraziamento va al settore calcio nazionale presieduto da Nicola Scaringi che lavora tutto l’anno per la buona riuscita della manifestazione” conclude l’intervento dando appuntamento a tutte le società alla prossima stagione.

Condividi
Secured By miniOrange