Notizie

Gattuso dà ordini via Skype: ecco il menù per i calciatori del Napoli

cds

C’è Skype: usiamola. Ne avrebbero fatto volentieri a meno, come tutti d’altro canto, ma ora lo impone il buon senso e anche il decreto legge: si sta tra le mura domestiche ma ci sono spazi anche per dedicarsi al calcio 3.0. Non è mica la play station, e non ci vuole un joystick per orientarsi, né bisogna ripassare i movimenti del campo come se fosse la poesia da recitare a Natale: basta guardarsi negli occhi, parlarsi, ascoltare, seguire didatticamente ciò che si conosce. Un collegamento a giorni alternati, ci sono Gattuso e quelli dello staff che sussurrano indicazioni quel che si sa – le esercitazioni, quelle possibili – e procedere. Il Napoli si allena nel salotto buono di casa sua, ognuno ne ha uno, ha la cyclette o il tapis roulant, ha gli elastici ed hanno i pesi e con la tecnologia si arriva ovunque, anche nella coscienza di una squadra che dà risposte certe e non se ne sta ferma, perché non si può, e si tiene «sveglia» nella proprie palestre domiciliari. E’ una nuova dimensione, nella quale il Napoli – come altri – s’è dovuto adagiare; è il calcio ai tempi del corona virus e va affrontato utilizzando il processo e la tecnologia.

Una seduta al mattino e volendo anche una al pomeriggio, per mettere assieme quei cento minuti che hanno rappresentato il timer di Gattuso a Castel Volturno: sono tecniche replicabili attraverso questo lo smart working del football che permette persino di esercitarsi nel palleggio, avendone la possibilità.

E poi c’è anche dell’altro scritto per l’alimentazione – ed hanno provveduto chiaramente i medici: Canonico, D’Andrea e De Luca – affinché si resti dentro un regime da assecondare elasticamente ma non troppo. C’è uno schema «ricco», è composto da cinque pasti – colazione, pranzo e cena con in mezzo due spuntini – e viene sfruttato per non alterare le abitudini ma anche per adeguare l’apporto calorico. Bisogna variare, di giorno in giorno, proprio come nella vita normale che ormai è stata strappata dal virus e che va ricostruita, e alimentarsi per rinforzare il sistema immunitario: patate dolci, zucca, funghi, carni bianche, uova, té nero, yogurt, pesce, soprattutto salmone che contiene vitamina D, chiaramente frutta ma anche miele, ch’è di aiuto alle vie respiratorie.

Condividi
Secured By miniOrange